Sei in Home . Aerosol con antibiotico che risulta non attivo in vitro contro Pseudomonas aeruginosa?

20 Giugno 2019

Aerosol con antibiotico che risulta non attivo in vitro contro Pseudomonas aeruginosa?

Autore: Vittorio
Domanda

Ha senso fare la tobramicina per aerosol alternata alla colistina se lo Pseudomonas risulta resistente a tutto (anche alla tobramicina) tranne che alla colistina, e non se ne sente beneficio? Grazie.

Risposta

Il trattamento antibiotico per via aerosolica in presenza di infezione broncopolmonare cronica da Pseudomonas aeruginosa in persone con FC ha dimostrato in generale che riesce a contenere lo stato di infezione. Talora si usa l’aerosol di tobramicina anche se l’antibiogramma attuato con i criteri standard non dimostra la suscettibilità del batterio a questo antibiotico, perché l’antibiogramma su escreato non simula le concentrazioni di antibiotico che si possono ottenere nelle vie aeree con la somministrazione aerosolica. Tuttavia va ricordato che nella strategia aerosolica a mesi alterni la colistina può essere alternata anche all’antibiotico Aztreonam-lisina o all’antibiotico Levofloxacina. Ma di questo bisogna discutere con i medici del centro di riferimento.

G. M.


Se hai trovato utile questa risposta, sostieni questo servizio

Dona ora