Sei in Home . La tecnologia mesh per la nebulizzazione rapida può comportare qualche problema quando si usa per la combinazione ipertonica salina/acido ialuronico

5 Novembre 2018

La tecnologia mesh per la nebulizzazione rapida può comportare qualche problema quando si usa per la combinazione ipertonica salina/acido ialuronico

Autore: Chiara
Argomenti: Aerosol
Domanda

Buongiorno, volevo chiedere se siete a conoscenza di eventuali controindicazioni circa l’inalazione di Hyaneb tramite aerosol a tecnologia Mesh (a membrana microforata vibrante). Rispetto l’aerosol tradizionale a pistone, questa nuova tecnologia sembra presentare significativi vantaggi soprattutto per chi deve fare questa terapia quotidianamente: è senza fili; è più rapido; è praticamente silenzioso; non surriscalda il farmaco. Grazie molte e cordiali saluti.

Risposta

Non entro nel merito dell’efficacia e della sicurezza della terapia inalatoria con ipertonica salina al 7%, né in quella con la combinazione di ipertonica salina al 7% e acido ialuronico (Hyaneb). Quest’ultima è stata proposta per ridurre la possibilità di irritazione e ostruzione bronchiale nonchè il gusto spiacevole di salato prodotti dall’inalazione di salina al 7%: alcuni studi (1-4), tutti italiani, hanno verificato e dimostrato questi vantaggi, senza suggerire peraltro quali sono gli strumenti adatti per inalare la combinazione da preferire di salina al 7% con acido ialuronico.

La risposta alla domanda tiene conto perciò della sola esperienza sul campo. Sicuramente la tecnologia mesh (membrana a maglia, impiegata ad es. nel nebulizzatore e-flow rapid) ha tutti i vantaggi descritti dal nostro interlocutore nella sua domanda. Soprattutto, questa tecnologia ha migliorato la penetrazione dei farmaci nei polmoni. Abbiamo verificato che quando è presente l’acido ialuronico nella soluzione salina i fori della membrana mesh possono ostruirsi con maggiore facilità, mentre ciò non avviene con la sola ipertonica salina al 7%. Questo renderebbe meno efficace la nebulizzazione dei farmaci. Per ovviare a tale inconveniente noi suggeriamo di bagnare la membrana con acqua distillata prima dell’inalazione del farmaco. Una alternativa a questa prassi è utilizzare altri preparati di sola salina al 7% presenti in commercio.

1) Buonpensiero P, et al. Hyaluronic acid improves “pleasantness” and tolerability of nebulised hypertonic saline in a cohort of patients with cystic fibrosis. Adv There 2010; 27:870
2) Furnari ML, et al. Nebulised hypertonic saline containing hyaluronic acid improves tolerability in patients with cystic fibrosis and lung disease compared with nebulised hypertonic saline alone: a prospective, randomized, double-blind controlled study. There Adv Respir Dis 2012; 6:315
3) Cresta F, et al. Inhaled hypertonic saline + hyaluronic acid in cystic fibrosis with asthma-like symptoms: a new therapeutic chance. BMJ Case Rep 2013; doi:10.1136/bcr-2013-009042
4) Ros M, et al. Hyaluronic acid improves the tolerability of hypertonic saline in the chronic treatment of cystic fibrosis patients: a multi center, randomized, controlled clinical trial. J Aerosol Med Pulm Drug Deliv 2014; 27:13

Dott.ssa Diletta Innocenti - Servizio di Riabilitazione Funzionale, AOU Meyer, Firenze


Se hai trovato utile questa risposta, sostieni questo servizio

Dona ora