Sei in Home . Lasciti testamentari solidali

Attraverso la Ricerca, continuare a donare vita

Lasciti testamentari solidali
per regalare un futuro a chi aspetta una cura

Pensare a chi ci succederà è un atto generoso e lungimirante, che permette di tramandare i propri valori di solidarietà e donare un domani libero dalla malattia alle persone con fibrosi cistica.

Il testamento

Il testamento è l’atto con il quale una persona dispone, per il tempo in cui avrà cessato di vivere, di tutte le proprie sostanze o di parte di esse. È un atto semplice e poco dispendioso, che si può redigere in qualsiasi momento della vita, a partire dalla maggiore età. È sempre possibile modificarlo, annullarlo o sostituirlo e acquista efficacia solo al momento dell’apertura della successione.

Perché fare testamento 

In Italia fare testamento è una pratica ancora poco diffusa perché la legge tutela già i legittimi eredi. Rappresenta tuttavia uno strumento di grande libertà, che permette di disporre dei propri beni a favore delle persone a noi più care o di enti benefici, come ad esempio la Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica – Onlus (FFC).

Il testamento può essere olografo (scritto di proprio pugno) o pubblico (redatto da un notaio alla presenza di testimoni).

Per garantire la validità di un testamento olografo è necessario seguire alcune regole:

  • deve essere scritto interamente a mano dal testatore, datato (giorno, mese e anno) e firmato;
  • bisogna indicare i propri dati anagrafici (nome, cognome, data e luogo di nascita, residenza), il destinatario e l’oggetto del lascito;
  • deve essere conservato in un luogo sicuro o consegnato a una persona di fiducia, ancora meglio se consegnato a un notaio.

Nel testamento può essere nominato un esecutore testamentario, cioè una persona di fiducia che provvederà a eseguire le volontà manifestate.

Cosa si può lasciare alla Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica – Onlus?
  • L’intero patrimonio;
  • una somma di denaro, titoli, azioni, fondi di investimento;
  • beni mobili come opere d’arte, gioielli, arredi;
  • beni immobili come un appartamento, un terreno, un fabbricato;
  • una polizza vita, nominando FFC come beneficiario.
La polizza vita 

La polizza vita non fa parte del patrimonio ereditario perciò l’assicurato può scegliere liberamente chi ne beneficerà. Chi è già titolare di una polizza, può designare il beneficiario in qualunque momento con una semplice comunicazione all’Ente assicurativo, oppure può manifestare questa volontà nel testamento. Ogni lascito verrà convertito in denaro e il ricavato impiegato nell’adozione di progetti di ricerca sulla fibrosi cistica.

I lasciti a FFC, come le donazioni in vita e le polizze, sono totalmente esenti da tassazione (art.3D.Lgs.346/1990 modificato dalla L.383/2001). Questo significa che il loro valore verrà interamente utilizzato per il sostegno di importanti progetti di ricerca clinica e di base.

La suddivisione del patrimonio 

È opportuno che le disposizioni testamentarie non ledano i diritti degli eredi legittimari, pena la possibilità per questi ultimi, al momento dell’apertura della successione, di impugnare le disposizioni testamentarie lesive dei loro diritti. Il patrimonio ereditario, infatti, si compone di due parti: la quota non disponibile, detta anche quota di riserva o di legittima, che spetta di diritto ad alcuni soggetti specificamente individuati dal legislatore (coniuge, discendenti diretti, ascendenti) e la cui entità dipende dal numero e dal grado di parentela di questi ultimi; e la quota disponibile, di cui il testatore può liberamente disporre a favore di chiunque.

In assenza di legittimari (coniuge, ascendenti e discendenti) il patrimonio è a completa disposizione del testatore, che potrà decidere secondo la propria volontà. In assenza di testamento, qualora non vi siano parenti entro il sesto grado, il patrimonio si devolve automaticamente allo Stato.

Esempio di testamento olografo a favore di FFC

Con il testamento olografo è sufficiente scrivere di proprio pugno come nell’esempio riportato di seguito.

Io sottoscritto _________________

nato a _________________ il ____________ e residente in _________________ Via _________________
Fatti salvi i diritti che la legge riserva ai miei eredi legittimari (coniuge, figli, genitori) lascio a FFC – Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica – Onlus …………………………………………………………………… (descrizione di ciò che si lascia, ad esempio: una somma di denaro, beni
immobili, gioielli, opere d’arte, fondi di investimento/titoli/polizza vita quale beneficiario, “il mio intero patrimonio”)

Data ________   Firma _________________

 

Per ulteriori informazioni, potete contattare FFC via email all’indirizzo fondazione.ricercafc@aovr.veneto.it o telefonare a Giusy Buemi al numero 346 5121780.