Sei in Home . Informati . Domande e Risposte . Ancora sui genotipi CFTR con F508del in eterozigosi composta: a proposito della mutazione R1066C

22 Giugno 2017

Ancora sui genotipi CFTR con F508del in eterozigosi composta: a proposito della mutazione R1066C

Autore: Caterina
Domanda

Sono la mamma di un bimbo con FC di 7 anni con doppia mutazione in eterozigosi. Volevo sapere se le cure che si scoprono per la mutazione DeltaF508 in omozigosi sono applicabili per FC in eterozigosi composta, perché mio figlio ha 85% di DeltaF508 e 15% di una mutazione portoghese R1066C. Inoltre, vorrei sapere che tipo di mutazione è R1066C e se è trattabile con eventuali approcci di cura?

Risposta

È stato condotto un trial clinico con Orkambi (il composto attualmente commercializzato da Vertex per soggetti con F508del in doppia copia, in cui è combinato il correttore lumacaftor + il potenziatore ivacaftor) in soggetti con una mutazione F508del accompagnata da altra mutazione: non ha dato buoni risultati, ne abbiamo dato notizia nell’articolo Lumacaftor/ ivacaftor (Orkambi) in pazienti FC dai 18 anni con F508del in singola copia. È stato inoltre realizzato un trial clinico in cui, sempre in soggetti con una copia di F508del e altra mutazione, è stato sperimentato il nuovo correttore VX-601, in combinazione sempre con ivacaftor (trial NCT02392234); il trial si è concluso, ma non si conoscono ancora i risultati. Un altro trial finalizzato a vedere l’efficacia della stessa combinazione dopo un periodo esteso di somministrazione sta ancora arruolando pazienti (trial NCT02565914).

Non ci è chiaro che cosa significhi avere la F508del all’85% e la R1066C al 15%.
Per quello che riguarda R1066C, è mutazione abbastanza rara con meccanismo missenso, segnalata per avere una certa frequenza nella popolazione spagnola e in particolare portoghese (1); non è stata attribuita a una classe particolare, però dai dati del database CFTR2, che ha raccolto informazioni su oltre 200 soggetti con una copia di R1066C, non risulterebbe essere mutazione con funzione residua (tali si definiscono le mutazioni che consentono la produzione di CFTR che conserva, anche se ridotta, una qualche capacità di funzionare), in quanto permette la sintesi solo di una quota molto modesta di CFTR, probabilmente non funzionante (2).

1) Liang MH, Wong LJ, Klein D, Shapiro B, Bowman CM, Hsu E, Wong LJ.”Cystic fibrosis in a Puerto Rican female homozygous for the R1066C mutation”. J Med Genet. 1998 Jan; 35(1):84-5
2) cftr2.org/mutation/scientific/R1066C/

G. Borgo


Se hai trovato utile questa risposta, sostieni questo servizio

Dona ora