Sei in Home . Informati . Domande e Risposte . Il dolore toracico in fibrosi cistica

18 ottobre 2017

Il dolore toracico in fibrosi cistica

Autore: Clarissa
Argomenti: Sintomi
Domanda

Salve, ho 19 anni e sono affetta da FC. Sono tornata 5 giorni fa dal mio centro, dove ho fatto un ciclo antibiotico endovena e ho eseguito una TAC, dalla quale è emerso addirittura un miglioramento al polmone destro (mia parte problematica). Tornata a casa, però, oggi avverto un dolore polmonare proprio alla base di destra del torace. Cosa può significare? Devo preoccuparmi? Grazie mille in anticipo.

Risposta

Il dolore toracico è un sintomo molto frequente nelle persone con fibrosi cistica: almeno il 60-70% degli adulti ne è colpita con frequenze e intensità variabili. Le cause possono essere molteplici. Un dolore cronico è in genere dovuto a problemi ossei (osteoporosi in particolare) o a deformazioni e vizi di postura della colonna vertebrale. Un dolore acuto è più frequentemente legato a un’infiammazione polmonare, specie se è molto localizzato. Il dolore riflette soprattutto l’infiammazione della pleura (pleurite) che riveste la zona polmonare interessata da un focolaio di polmonite o da una bronchiectasia suppurante. Il dolore acuto violento può evocare un pneumotorace (raccolta d’aria nel cavo pleurico). Esistono poi dolori toracici, più o meno localizzati, legati a infiammazione dei muscoli intercostali (miosite), in genere causati da alcuni virus: tra questi sta la malattia di Bornholm, dovuta al virus Coxsackie. Nel caso della domanda è possibile che l’area polmonare interessata da un processo infiammatorio cronico abbia avuto una riacutizzazione e il dolore, se persistente, merita in tal caso un controllo medico, anche se la TAC ha rivelato recentemente un miglioramento dell’area polmonare interessata.

G. M.


Se hai trovato utile questa risposta, sostieni questo servizio

Dona ora