Sei in Home . Informati . Domande e Risposte . I tempi di latenza dell’infezione respiratoria da Pseudomonas aeruginosa e l’igiene della casa

31 Luglio 2020

I tempi di latenza dell’infezione respiratoria da Pseudomonas aeruginosa e l’igiene della casa

Autore: Luigi
Domanda

Buongiorno. Esiste un’indicazione circa il tempo che di norma intercorre tra l’acquisizione dello Pseudomonas e la manifestazione dei primi sintomi (tosse)? Inoltre, volevo chiedere se evitare del tutto (per quanto possibile) il contatto con fiori e piante per chi vive con pazienti FC: è opportuno o è una misura eccessiva? Cioè, è meglio eliminare totalmente vasi di fiori (inclusi quelli non recisi), anche in balcone, o basta non tenerli nella camera del paziente e lavarsi le mani dopo averli curati, innaffiati, ecc? Grazie.

Risposta

I batteri che colonizzano l’albero respiratorio delle persone con FC possono convivere con l’ospite anche a lungo prima di dare segni e sintomi di infezione/infiammazione (tosse, inappetenza, malessere generale, eventualmente febbre). Non abbiamo quindi nozione dei tempi di latenza, ma sappiamo che assai spesso lo sviluppo di sintomi può essere subdolo. In alcuni casi i primi sintomi possono manifestarsi acutamente, specie in occasione di infezioni virali, che creano le condizioni per il risveglio di batteri latenti.

La caccia ai fiori per limitare l’acquisizione di batteri è effettivamente una misura eccessiva, anche perché i batteri che colonizzano l’albero respiratorio FC possono avere le fonti più diverse e sappiamo che più che l’esposizione a possibili sorgenti batteriche ambientali conta la predisposizione dell’organismo a ospitare nel suo tratto respiratorio microrganismi, che la condizione di base FC non riesce abbastanza a rimuovere. Ciò non vuol dire che non sia importante curare la pulizia e l’igiene personale e ambientale (es. l’ambiente domestico dovrebbe essere non polveroso né troppo umido, né troppo caldo; va curata la sicurezza igienica dei sistemi di condizionamento, etc). Evidentemente è importante evitare i contatti ravvicinati, come ben sappiamo, con persone che possono trasmettere agenti patogeni, come ad esempio persone influenzate o altri soggetti con FC.

G. M.


Se hai trovato utile questa risposta, sostieni questo servizio

Dona ora