Sei in Home . Informati . Domande e Risposte . La prudenza e i comportamenti responsabili in questa fase della pandemia Covid-19

9 Luglio 2020

La prudenza e i comportamenti responsabili in questa fase della pandemia Covid-19

Autore: Chiara
Argomenti: Ambiente, Epidemia, Igiene
Domanda

Salve, vorrei avere dei chiarimenti su quale sia il comportamento più appropriato per noi pazienti FC per continuare a tutelare la nostra salute dal Covid-19, poiché anche se la curva è in discesa, è ancora presente. In questo periodo iniziano a esserci feste di vario tipo e di conseguenza inviti per pranzi/cene nei ristoranti. Pur adottando le varie regole di distanziamento, si tratta comunque di dover passare alcune ore in un luogo al chiuso con molte persone, ovviamente è anche impossibile avere la mascherina mentre si mangia. Vorrei sapere quale sarebbe il comportamento più sicuro da adottare in una situazione del genere: sarebbe meglio evitare di partecipare? Ovviamente, a tutto questo si aggiunge anche il fatto che ormai quasi nessuno più indossa la mascherina eccetto che nei negozi, e di conseguenza anche tutte le altre norme da seguire vengono perlopiù abbandonate.

Risposta

Questo è in realtà un problema che si affaccia e preoccupa in generale in questa fase in cui, almeno in Italia, l’andamento dei contagi sta diminuendo. Va ricordato che il virus Sars-Cov 2 sta ancora circolando in Italia ma soprattutto circola molto e fa vittime in altre nazioni, da cui possono provenire persone potenzialmente contagianti. Sappiamo che vi sono non piccoli timori di una seconda ondata epidemica alla fine dell’estate, anche sul nostro territorio, e sembra che la popolazione italiana, liberata dalla stretta clausura del lock down, ne abbia poca consapevolezza, come bene indica la domanda.

Le persone con FC, tutto sommato, hanno saputo reggere abbastanza bene alla pandemia. Si veda una recente nota in proposito su questo sito (1) e tuttavia rimangono ancora persone che possono ricavare sostanziale danno da eventuale contagio. Pertanto, se ci è permesso, suggeriamo di non frequentare affatto quegli ambienti chiusi di cui parla la domanda ma anche negli ambienti aperti va ancora evitata la stretta vicinanza con altre persone, adottando le norme di protezione diffusamente raccomandate, incluso l’uso della mascherina.

1) Studio retrospettivo sull’impatto di Covid-19 in un centro FC italiano, Progressi di ricerca 8/07/2020

G. M.


Se hai trovato utile questa risposta, sostieni questo servizio

Dona ora