Sei in Home . Informati . Domande e Risposte . Trattamento con broncodilatatori in fibrosi cistica

15 aprile 2019

Trattamento con broncodilatatori in fibrosi cistica

Autore: Teresa
Domanda

Gentilissimi, potreste spiegarmi perché molti centri prescrivono l’uso di broncodilatatori su base continuativa? Non si corre il rischio che i recettori diventino col tempo non rispondenti al farmaco? Quali sono i meccanismi biologici e fisiologici per cui c’è indicazione a usare i broncodilatatori in FC? Il nostro centro ci fa usare il Breva solo in situazioni acute. Non vorrei perciò che la mia bimba di due anni si stia perdendo delle terapie importanti sul lungo termine, considerando che a parte mezza fiala di Pulmozyme, non fa altri aerosol come terapia di base. Grazie mille per la Vostra continua disponibilità. Un caro saluto.

Risposta

I broncodilatatori per aerosol (spray o nebulizzazione) vengono usati in fibrosi cistica quando vi siano dimostrate condizioni di broncoirritabilità: tendenza a broncospasmo o tosse stizzosa, specie a seguito di inalazione di farmaci, antibiotici in particolare. In questi casi, la spirometria fatta prima e dopo somministrazione di aerosol può aiutare a decidere l’opportunità di impiegare o meno il broncodilatatore (in genere per spray) prima dell’aerosol antibiotico o mucolitico (1). Il broncodilatatore, di solito quello ad azione breve (short-acting) può venir usato anche prima dell’attività fisica quando vi sia dimostrazione di asma da sforzo (2). Si usa il broncodilatatore, come si fa in genere nell’asma, nei casi con aspergillosi broncopolmonare allergica, una complicanza legata alla presenza nei bronchi del fungo Aspergillus fumigatus, che può dare sintomi asmatici.

È vero che talora vengono impiegati in continuazione o quasi i broncodilatatori ad azione prolungata (long-acting), nell’intento di ridurre in generale la tendenza broncoirritativa e i relativi sintomi (2). Tuttavia, sui benefici di tale trattamento non vi sono studi sinora convincenti e il loro impiego rimane legato alle convinzioni del medico che lo prescrive. Si veda in proposito una recente revisione Cochrane (3).

1) Tosse e broncoirritabilità in fibrosi cistica, 18/01/2017
2) Broncodilatatori a lunga durata, aerosolterapia e fisioterapia, 7/4/2018
3) Smith S1, Edwards CT. Long-acting inhaled bronchodilators for cystic fibrosis. Cochrane Database Syst Rev. 2017 Dec 19;12:CD012102. doi: 10.1002/14651858.CD012102.pub2.

G. M.


Se hai trovato utile questa risposta, sostieni questo servizio

Dona ora