Sei in Home . Informati . Domande e Risposte . Una broncoirritabilità da sforzo come manifestazione isolata e tardiva non dovrebbe chiamare in causa la fibrosi cistica

19 Settembre 2019

Una broncoirritabilità da sforzo come manifestazione isolata e tardiva non dovrebbe chiamare in causa la fibrosi cistica

Autore: Stefania
Domanda

Salve. Sono una ragazzina di quasi 14 anni e da qualche mese soffro di dispnea e tosse (non sempre ma a periodi, anche se a volte ravvicinati), a volte durante la giornata, anche più di una volta, avverto un respiro sibilante e anche dopo aver fatto le scale o nemmeno 1 minuto di corsa il mio respiro diventa molto affannoso. Ho spesso raffreddori che durano anche quasi 2 settimane (in estate sono rari) e ho una sensazione di muco in gola. Non ho problemi nella nutrizione, infatti sono alta e neanche troppo magra ma ho notato che le mie feci sono di un colore più chiaro del normale. Inizialmente si sospettava di allergia ma sono risultata negativa a tutti i test. Mi è stata consigliata una visita broncopneumologica e infatti tra qualche settimana andrò a farla. La mia domanda è potrebbe trattarsi di FC o come ipotesi è da escludere? Grazie

Risposta

Il sospetto di una forma allergica con manifestazioni respiratorie di tipo asmatico è stato corretto. La negatività dei comuni test allergologici non esclude in assoluto qualche forma non comune di allergia. Sarebbe importante sapere se sono state dosate nel sangue le immunoglobuline E (IgE): valori elevati di IgE lascerebbero aperto il problema allergico. Tuttavia, è possibile che vi siano manifestazioni respiratorie tipo quelle descritte (tosse e dispnea soprattutto da sforzo) indipendentemente da una condizione allergica. Si parla di asma o “broncoirritabilità da sforzo” o anche di “iperreattività bronchiale”: alcune persone hanno come costituzionale tale caratteristica, che può essere ben chiarita con alcuni test di funzionalità respiratoria e che può essere benissimo curata. C’è invece un po’ poco in questa storia per sospettare una fibrosi cistica.

G. M.


Se hai trovato utile questa risposta, sostieni questo servizio

Dona ora