Sei in Home . Informati . Domande e Risposte . Una possibile nuova combinazione antibatterica contro Pseudomonas aeruginosa

2 Aprile 2020

Una possibile nuova combinazione antibatterica contro Pseudomonas aeruginosa

Autore: Alessio
Argomenti: Antibiotici, Pseudomonas
Domanda

Buongiorno. Ho letto di questo nuovo farmaco, l’AB569, che sembrerebbe avere degli ottimi risultati contro lo Pseudomonas. Sapreste darmi qualche indicazione in più e dire se un giorno sarà commercializzato anche in Italia? Grazie.

Risposta

Il composto AB569 non si può considerare per ora un farmaco, ma un “candidato farmaco”: potrà diventare un vero farmaco se l’industria farmaceutica che lo propone (Arch Bipartners di Toronto) ne sintetizza una quantità sufficiente e passa alla sperimentazione clinica (trial clinici di fase I,II, III). I trial clinici dovranno confermare i buoni risultati ottenuti a livello preclinico su colonie di batteri e su modelli murini d’infezione polmonare cronica. Poi il farmaco dovrà essere approvato dagli enti regolatori e solo allora potrà entrare in commercio: i tempi quindi non ci sembrano immediati. Potrebbero essere abbreviati dal fatto che il composto è già stato riconosciuto come “farmaco orfano” sia da FDA (Food and Drug Administration) che da EMA (European Medicine Agency). Questa designazione viene assegnata quando gli esperti di questi enti ritengono che il composto non debba rimanere “orfano” di ricerca, perciò ne facilitano la sperimentazione clinica concedendo particolari facilitazioni burocratiche o economiche a chi la sostiene. Non sappiamo in realtà quali siano le ragioni che hanno portato a designarlo cosi. Forse la pubblicazione scientifica (1) che ha accompagnato il lancio di AB659 ci darà maggiori informazioni e sarà commentata nel nostro sito (sezione Progressi di Ricerca).

Probabilmente AB659 è interessante perché rappresenta la combinazione di due composti chimici: l’EDTA (Acido Etilendiaminotetraacetico) e il Nitrito di Sodio (NaNO2) entrambi poco costosi e di facile disponibilità. Secondo l’azienda Arch Bipartners, a livello preclinico si è dimostrato efficace contro una vasta gamma di batteri, dallo Stafilococco aureo a Pseudomonas aeruginosa, anche nella forma mucoide, particolarmente resistente al trattamento antibiotico. I toni della comunicazione da parte dell’azienda sono molto promozionali (2,3) e, lo ripetiamo, i risultati vanno confermati alla luce delle evidenze scientifiche. Evidenze che per ora sono solo precliniche. Quindi ci auguriamo che vengano anche quelle cliniche.

1) McDaniel CT, Panmanee W, Winsor GL et al “AB569, a nontoxic chemical tandem that kills major human pathogenic bacteria”. Proc Natl Acad Sci U S A. 2020 Mar 3;117(9):4921-4930. Epub 2020 Feb 18.
2) archbiopartners.com/index.php/our-science/our-key-platforms/ab569
3) archbiopartners.com/index.php/our-science/our-publications/ab569/151-ab569-a-nontoxic-chemical-tandem-that-kills-major-human-pathogenic-bacteria

G. Borgo


Se hai trovato utile questa risposta, sostieni questo servizio

Dona ora