Sei in Home . Informati . Domande e Risposte . Ostruzione intestinale distale in FC

4 Agosto 2009

Ostruzione intestinale distale in FC

Autore: Letizia
Domanda

Salve,sono la mamma di un bambino FC di 8 anni con sufficienza pancreatica. Qualche giorno fa ha iniziato a vomitare succhi gastrici, nonostante non avesse fatto neppure colazione. Portato al pronto soccorso si sono resi conto che aveva delle feci ferme anche se lui è molto regolare con l’intestino. Con un clistere tutti i sintomi sono passati. Hanno escluso che questo episodio possa essere correlato con la fibrosi cistica, ma gradirei avere un vostro parere. Vi ringrazio anticipatamente.

Risposta

In una larga percentuale di soggetti con fibrosi cistica, di qualsiasi età, vi è tendenza del contenuto intestinale ad ostruire gli ultimi tratti dell’intestino: più frequentemente il tratto ileo-cecale (fine dell’intestino tenue e inizio dell’intestino crasso). L’evento è legato all’eccessiva densità-viscosità del muco intestinale, cui concorrono cattive abitudini alimentari (scarsità di fibre) e di svuotamento intestinale. L’ostruzione può instaurarsi lentamente nel tempo e dare sintomi quando l’impatto fecale è ben consolidato: dolori nel quadrante addominale inferiore a destra, nausea e vomito. E’ possibile che questa condizione (denominata “sindrome di ostruzione intestinale distale” o DIOS) si accompagni ad apparente regolarità nelle evacuazioni intestinali. Il quadro si instaura più facilmente nei soggetti con insufficienza pancreatica o che hanno avuto ileo da meconio alla nascita: tuttavia è possibile anche in assenza di queste condizioni o precedenti.

Nel caso della domanda non si può escludere che l’evento segnalato, soprattutto per il riscontro obiettivo di “feci ferme”, sia correlato alla fibrosi cistica: un tale evento è infatti caratteristico della malattia con alta frequenza. Si veda in proposito anche la domanda del 04.04.05: Impatto fecale in fibrosi cistica

G.M.


Se hai trovato utile questa risposta, sostieni questo servizio

Dona ora