Sei in Home . Area ricercatori . I progetti di ricerca . FFC#5/2021 – Valutazione in vitro di nuovi strumenti per la modifica (editing) sito-specifica di RNA messaggeri per proteina CFTR con mutazioni stop

FFC#5/2021
Valutazione in vitro di nuovi strumenti per la modifica (editing) sito-specifica di RNA messaggeri per proteina CFTR con mutazioni stop

In vitro evaluation of novel sequence-specific RNA editing tools to rescue nonsense mutant CFTR transcript

Sviluppo di una nuova tecnica di editing genetico per correggere mutazioni stop sull’RNA messaggero del gene CFTR.

Per completare questo progetto mancano ancora 99.500 euro

Dona Ora

Dati del Progetto

Responsabile
Aldo Di Leonardo (Dipartimento di Scienze e Tecnologie Biologiche Chimiche e Farmaceutiche - STEBICEF, Università degli Studi di Palermo)
Categoria/e
Ricercatori coinvolti
4
Durata
2 anni
Finanziamento totale
99.500 €
Adozione raggiunta
0 €

Obiettivi

Il progetto, prendendo in considerazione le mutazioni di stop, più rare della più diffusa F508del, ha l’obiettivo di sviluppare una nuova tecnica di editing genetico sito specifica. I ricercatori propongono lo sviluppo e utilizzo dell’editing sito-specifico dell’mRNA tramite la deaminazione dell’adenosina in inosina, ribonucleotide riconosciuto come guanosina dal ribosoma, che consentirebbe di correggere codoni stop nell’mRNA. Questa nuova tecnica di editing prevede l’utilizzo del sistema REPAIRv2 e di oligonucleotidi antisenso (ASOs) specifici per la regione dell’mRNA dove è presente il codone di stop. I ricercatori propongono di valutare l’efficacia della procedura su modelli cellulari con tecniche di biologia molecolare quali real time-PCR, western blotting, immunofluorescenza e sequenziamento.

Objectives

Taking into consideration stop mutations, rarer than the more common F508del, this research project aims to develop a new site-specific gene-editing technique. The researchers propose the development and use of site-specific mRNA editing through the deamination of Adenosine into Inosine, a ribonucleotide recognized as guanosine by the ribosome, which would allow the correction of stop codons in the mRNA. This new editing technique involves the use of the REPAIRv2 system and antisense oligonucleotides (ASOs) specific to the mRNA region where the stop codon is present. The researchers propose to evaluate the effectiveness of the procedure on cellular models with molecular biology techniques such as real time-PCR, western blotting, immunofluorescence and sequencing.