Sei in Home . Area ricercatori . Ricercatori FFC . Maiuri Luigi

Luigi Maiuri

Dati del Ricercatore

Istituto
Università degli Studi del Piemonte Orientale

Competenze e linee di ricerca sviluppate

Luigi Maiuri è prematuramente scomparso nel 2019.

Luigi Maiuri si era laureato in Medicina e Chirurgia a Roma nel 1977 e divenuto specialista in pediatria, nel 1980. Dal novembre 2017 aveva assunto l’incarico di direttore della Struttura complessa Universitaria di Pediatria dell’Azienda ospedaliero-universitaria di Novara, oltre a essere Professore associato presso l’Università di Foggia e l’Università del Piemonte Orientale.
Era dal 2007 il Direttore Scientifico dell’European Institute for Research in Cystic Fibrosis (IERFC Onlus), Ospedale San Raffaele di Milano. La sua ricerca era focalizzata sulla comprensione di meccanismi di malattia e sulla loro modulazione. Nel campo delle malattie autoimmuni, è stato il primo a identificare il ruolo della risposta immune innata e della IL‐15 nella celiachia (Lancet, 2003) e ha implementato modelli murini di tiroidite autoimmune (Nature Medicine, 2004). Nel campo della biologia cellulare, ha lavorato sul ruolo del difetto di autofagia in fibrosi cistica (FC) (Nature Cell Biology, 2010) e ha dimostrato che una combinazione di regolatori di proteostasi può ripristinare l’autofagia e correggere almeno parzialmente il difetto della CFTR. Su queste tematiche ha collaborato in varia misura a progetti tuttora finanziati da FFC. Più recentemente aveva trasferito i risultati preclinici sui regolatori di proteostasi in due trial clinici pilota, che hanno confermato il parziale recupero della funzione CFTR e un miglioramento dell’infiammazione polmonare nei pazienti con FC. Il suo primo interesse era stata la gastroenterologia pediatrica e i meccanismi immunitari che soggiacciono alla manifestazione della celiachia, malattia a cui era recentemente tornato con interesse, quando ha fornito qualche evidenza di un possibile coinvolgimento della proteina CFTR anche nel meccanismo patogenetico della stessa celiachia.
Il suo indice H è pari a 42 e le sue pubblicazioni contano oltre 10.000 citazioni.