Sei in Home . Informati . Domande e Risposte . La benefica azione dell’attività fisica nelle malattie respiratorie croniche

29 Luglio 2019

La benefica azione dell’attività fisica nelle malattie respiratorie croniche

Autore: Chiara
Argomenti: Fisioterapia, Sport
Domanda

Buongiorno, vorrei sapere in che modo l’attività fisica influenzi positivamente le patologie respiratorie e in quali casi è controindicata. Grazie.

Risposta

È ormai largamente riconosciuto che l’attività fisica, in qualunque modo praticata, liberamente o come disciplina sportiva, rappresenta un supporto curativo fondamentale in varie forme di patologia respiratoria cronica, nella fibrosi cistica in particolare. All’attività fisica si attribuisce: un effetto importante di rimozione dei secreti bronchiali – che in qualche caso può sostituire la fisioterapia respiratoria drenante-, un contributo a ottimizzare la ventilazione polmonare, un irrobustimento della massa muscolare, fattore non secondario nella dinamica respiratoria e nell’adeguatezza dello sforzo fisico. Soprattutto l’attività fisica favorisce lo sviluppo dell’autonomia e dell’immagine positiva di sé, anche con significative implicazioni sociali, specie se tale attività viene attuata assieme ad altri. Non vi sono in linea di massima controindicazioni e tuttavia chi non pratica abitualmente attività fisica sostenuta dovrebbe accostarvisi con gradualità. Ogni prestazione fisica impegnativa richiede sempre qualche esercizio di preriscaldamento, cioè alcuni minuti di movimento sciolto non forzato: questo è particolarmente indicato nei soggetti che possono avere asma da sforzo. Bisogna saper misurare l’entità e la durata dello sforzo, con adeguate e periodiche pause di riposo.

Chi intendesse praticare attività sportiva o di palestra impegnativa dovrebbe comunque consultare i medici del centro di cura per valutare l’attitudine allo sforzo sulla base di parametri respiratori, emogasometrici e cardiocircolatori. Soprattutto, le persone con fibrosi cistica dovrebbero poi curare l’assunzione adeguata di acqua e sali, specie nella stagione calda. Il sudore molto concentrato in sale potrebbe determinare perdite saline e disidratazione importante nelle prestazioni di lunga durata.
Su questo sito il tema dell’attività fisica e sportiva è ampiamente trattato. Si consiglia di cercare contributi all’argomento attraverso il motore di ricerca. Si vedano alcune referenze in calce (1,2,3).

1. Attività fisica e palestra: stato di nutrizione e funzione respiratoria in fibrosi cistica. Domanda del 3/02/2014
2. Quando l’attività fisica sembra non essere tollerata. Domanda del 12/05/2014
3. Sport, attività fisica, socializzazione. Domanda del 8/10/2018

G. M.


Se hai trovato utile questa risposta, sostieni questo servizio

Dona ora