Sei in Home . Area ricercatori . I progetti di ricerca . FFC#1/2017 – SpliceFix: riparare difetti di splicing del gene CFTR tramite tecnologia CRISPR/Cas9

FFC#1/2017
SpliceFix: riparare difetti di splicing del gene CFTR tramite tecnologia CRISPR/Cas9

SpliceFix: fixing splicing defects in the CFTR gene through CRISPR/Cas9 technology

Nuovo approccio di terapia genica: riparare le mutazioni splicing del gene CFTR mediante tecniche di editing genomico.

Dati del Progetto

Responsabile
Anna Cereseto (Centro per la Biologia Integrata - CIBIO, Università degli Studi di Trento)
Categoria/e
Partner
Zeger Debyser (Lab. for Molecular Virology & Gene Therapy, Center for Molecular Medicine, Faculty of Medicine, KU Leuven); Daniele Arosio (Istituto di Biofisica, CNR, Trento)
Ricercatori coinvolti
7
Durata
2 anni
Finanziamento totale
90.000 €
Adozione raggiunta
90.000 €

Obiettivi

L’editing genomico consiste nella modifica diretta del gene attraverso un sistema di recente identificazione composto da sequenze di DNA (CRISPR) e un enzima (Cas9). Il sistema CRISP/Cas9 riconosce il tratto di DNA mutato, lo taglia e incolla i frammenti rimanenti. I ricercatori di questo progetto intendono applicare l’editing genomico alle mutazioni che alterano lo splicing del gene CFTR (lo splicing è il meccanismo di eliminazione degli introni, cioè le parti non codificanti del gene). La tecnica è infatti chiamata SpliceFix = Ripara Splicing. CRISP/Cas9 verrà introdotto nella cellula attraverso vettore speciale ideato per ottenere massima sicurezza e diffusione (VLPs, Viral Like Particles). Le mutazioni splicing prese in esame saranno 3272 -26 A>G e 3849 +10Kb C>T. Speciali guide costituite da frammenti di RNA individueranno l’introne mutato, che verrà eliminato da Cas9. In queste mutazioni l’eliminazione dell’introne è sufficiente per ottenere la riparazione del gene e la corretta sequenza definitiva. L’efficacia della riparazione sarà verificata misurando il funzionamento della proteina CFTR su organoidi di pazienti con queste mutazioni. SpliceFix può rappresentare una modalità innovativa di terapia genica in fibrosi cistica.

Objectives

Researchers intend to develop SpliceFix, a novel therapeutic approach based on latest technologies of “genome editing”. These techniques rely upon recently discovered system CRISPR/Cas9 able to “cut and paste” the cellular DNA. This project concerns CFTR splicing mutations. These mutations affect gene regulation sites (introns); introns can be manipulated without the risk of interfering with the protein coding parts of the CFTR gene. With the aim to introduce CRISPR/Cas9 into the cell, a novel specific Cas9 variant and a traceless CRISPR/Cas9 delivery system (VLPs, Viral Like Particles) will be designed, possessing safety and deliverability. Special sgRNAs will identify mutated introns, which will be deleted by Cas9. In this way, the correct splicing will be restored and the gene corrected. The targeted mutations will be are 3272 -26 A>G and 3849 +10Kb C>T. Gene repairing will be demonstrated by measuring the functioning of CFTR protein on CF organoids. Splice-Fix for CF project aims to develop innovative therapies for the treatment of genetic defect.

Chi ha adottato il progetto

Associazione Trentina Fibrosi Cistica in ricordo di Maria Cainelli e Romana Petrolli
Associazione Trentina Fibrosi Cistica in ricordo di Maria Cainelli e Romana Petrolli
€ 10.000
Delegazione FFC di Imola e Romagna
Delegazione FFC di Imola e Romagna
€ 40.000
Delegazione FFC di Alberobello
Delegazione FFC di Alberobello
€ 25.000
Delegazione FFC di Lucca
Delegazione FFC di Lucca
€ 15.000