Sei in Home . Area ricercatori . I progetti di ricerca . FFC#19/2021 – Targeting combinato della sfingosina-1-fosfato-liasi dell’ospite e del patogeno come strategia antimicrobica nella fibrosi cistica

FFC#19/2021
Targeting combinato della sfingosina-1-fosfato-liasi dell’ospite e del patogeno come strategia antimicrobica nella fibrosi cistica

Exploring the dual targeting of host and microbial sphingosine-1-phosphate lyase as antimicrobial strategy in cystic fibrosis

Identificare inibitori dell’enzima sfingosina-1-fosfato liasi (SPL) per migliorare l’infiammazione polmonare e contestualmente compromettere la sopravvivenza di Aspergillus fumigatus.

Per completare questo progetto mancano ancora 69.750 euro

Dona Ora

Dati del Progetto

Responsabile
Barbara Cellini (Università degli Studi di Perugia, Dipartimento di Medicina Sperimentale)
Categoria/e
Ricercatori coinvolti
10
Durata
1 anno
Finanziamento totale
69.750 €
Adozione raggiunta
0 €

Obiettivi

Le persone con fibrosi cistica (FC) presentano numerosi difetti nel metabolismo di una classe specifica di lipidi, chiamati sfingolipidi, e uno degli enzimi coinvolti in questo metabolismo, la sfingosina-1-fosfato liasi (SPL), rappresenta un interessante bersaglio farmacologico. Infatti, bloccando la sua attività migliora l’infiammazione polmonare in un modello murino di FC e, allo stesso tempo, si ha una potente attività antimicrobica. L’obiettivo del progetto, estensione del pilota FFC#16/2020 è quello di bloccare la SPL sia nell’ospite che nel patogeno, quale Aspergillus fumigatus ottenendo così due effetti opposti, ma entrambi vantaggiosi. Da un lato, infatti, la risposta immunitaria migliora; dall’altro lato, la sopravvivenza di A. fumigatus è compromessa. Il gruppo di ricerca si prefigge di identificare potenziali inibitori della SPL dell’ospite e del fungo, i quali verranno testati su proteine purificate e modelli in vitro e in vivo. Gli inibitori più promettenti verranno poi preparati in modo da consentire una somministrazione diretta nei polmoni, al fine di limitarne gli effetti collaterali.

Objectives

Barbara Cellini

Persons with cystic fibrosis (CF) have numerous defects in the metabolism of a specific class of lipids, called sphingolipids, and one of the enzymes involved in this metabolism, sphingosine-1-phosphate lyase (SPL), is an interesting drug target. In fact, blocking its activity improves lung inflammation in a mouse model of CF and, at the same time, it has a powerful antimicrobial activity. The goal of the project, extension of the FFC#16/2020 pilot is to inhibit SPL both in the host and in the pathogen, such as Aspergillus fumigatus, thus obtaining two opposite effects, but both advantageous. The research group aims to identify potential inhibitors of host and Aspergillus SPL, which will be tested on purified proteins and in vitro and in vivo models. The most promising inhibitors will then be prepared in such a way as to allow direct administration into the lungs, in order to limit the side effects.