Sei in Home . Area ricercatori . I progetti di ricerca . FFC#2/2021 – Utilizzo di tecnologie CRISPR-Cas per revertire gli effetti delle mutazioni F508del e 2789+5G>A del gene CFTR

FFC#2/2021
Utilizzo di tecnologie CRISPR-Cas per revertire gli effetti delle mutazioni F508del e 2789+5G>A del gene CFTR

Harnessing CRISPR-Cas technology to revert F508del and 2789+5G>A CFTR defects

Nuove strategie di gene editing e mutazioni neutralizzanti per ripristinare la funzione di CFTR con mutazioni F508del e 2789+5G>A.

Per completare questo progetto mancano ancora 103.450 euro

Dona Ora

Dati del Progetto

Responsabile
Anna Cereseto (Università di Trento)
Categoria/e
Partner
Daniele Arosio (Istituto di Biofisica, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Trento)
Ricercatori coinvolti
6
Durata
2 anni
Finanziamento totale
103.450 €
Adozione raggiunta
0 €

Obiettivi

Anna Cereseto

Questo progetto, estensione del precedente FFC#3/2019 e proposto dallo stesso gruppo di ricerca, ha l’obiettivo di utilizzare l’editing genetico per ripristinare la funzione del gene CFTR sfruttando l’esistenza di mutazioni neutralizzanti (in grado di neutralizzare l’effetto della mutazione originale che causa la malattia). La mutazione di splicing 2789+5G>A, una delle 20 mutazioni più frequenti tra le 360 identificate come causa di fibrosi cistica, verrà riparata seguendo la strategia utilizzata nel progetto precedente (FFC#3/2019) e sfruttando le nuove tecnologie di base editing, in grado di modificare in modo mirato il singolo nucleotide. Le modifiche terapeutiche verranno inserite tramite tecnologie CRISPR-Cas in modelli cellulari di fibrosi cistica (FC) ovvero in cellule epiteliali bronchiali e organoidi intestinali derivati da persone con FC con mutazioni F508del o 2789+5G>A.

Objectives

This project, an extension of the previous FFC#3/2019 and proposed by the same research group, aims to use gene editing to restore the function of the CFTR gene by exploiting the neutralizing mutations (capable of neutralizing the effect of the original mutation causing the disease). The splicing mutation 2789+5G>A, one of the 20 most frequent mutations among the 360 identified as a cause of cystic fibrosis (CF), will be repaired through the strategy used in the previous project (FFC#3/2019) and exploiting the new base editing technologies, able to modify the single nucleotide in a targeted way. The therapeutic modifications will be inserted through CRISPR-Cas in cellular models of cystic fibrosis such as bronchial epithelial cells and intestinal organoids derived from person with CF with F508del or 2789 + 5G> A mutations.