Sei in Home . La Ricerca . Progressi di Ricerca . Benefici dell’esercizio fisico aerobico nei bambini e negli adolescenti con fibrosi cistica

17 Marzo 2015

Benefici dell’esercizio fisico aerobico nei bambini e negli adolescenti con fibrosi cistica

Dott. Natalia Cirilli, Centro Regionale Fibrosi Cistica delle Marche, Ancona

Un programma riabilitativo basato su sport ed esercizi di stretching muscolare migliora in breve tempo le complicanze posturali di bambini e adolescenti FC: dimostrazione attraverso studio clinico controllato

Questo studio (1) effettuato in un centro FC in Brasile pone l’accento sull’utilità di un programma supervisionato di attività fisica individualizzata nei bambini e negli adolescenti FC, finalizzato a recuperare/migliorare i problemi posturali che possono comparire precocemente, soprattutto a carico della colonna vertebrale. Nella prima fase della ricerca è stato scelto un campione di soggetti sani in cui definire gli standard di normalità per una serie di misure antropometriche, posturali e baropodometriche (distribuzione del peso corporeo sulla superficie plantare). Sono state rilevate reperendo e marcando specifici punti anatomici con adesivi colorati, poi misurazione attraverso fotocamera digitale. Le misure erano convertite in indici specifici per alterazioni della postura del capo, delle scapole, del bacino e anomalie della colonna cervicale e toracica: lordosi e cifosi (incurvamento all’indietro o in avanti), scoliosi (deviazione a sinistra o destra), infine misurazioni delle dimensioni del torace.


Gli indici posturali di 34 soggetti sani sono stati confrontati con quelli di 34 FC, comparabili per età (media intorno ai 13 anni, range 7-20). I soggetti con FC, pur avendo buoni livelli di funzionalità respiratoria e adeguato stato nutrizionale, presentavano più frequentemente anomalie della posizione del capo e del bacino, lordosi del tratto cervicale e cifosi del tratto toracico della colonna, aumento delle dimensioni del torace.

Gli stessi soggetti FC sono stati a loro volta divisi in due gruppi: uno ha continuato a fare quello che abitualmente faceva (gruppo controllo), all’altro (gruppo con intervento) è stato richiesto di praticare l’attività fisica preferita (corsa, nuoto, danza, calcio ecc.) per almeno 20 minuti per 3 volte alla settimana ed in aggiunta esercizi di stretching muscolare illustrati in un apposito manuale. Il tutto era da riportare su diario, per un periodo di 3 mesi. Una telefonata ogni due settimane rinforzava l’adesione al programma.

La maggior parte ha fatto quanto richiesto (e anche più), aderendo alla frequenza e ai tempi suggeriti, solo pochissimi non ci sono riusciti. Sono stati rivalutati gli indici posturali in entrambi i gruppi alla fine dei 3 mesi: nel gruppo trattato c’è stato un significativo miglioramento delle anomalie della colonna e una riduzione delle dimensioni del torace; cosa che non è successa nel gruppo controllo.

I risultati dello studio suggeriscono che un intervento riabilitativo semplice ma sorvegliato può dare benefici anche nel breve periodo. L’originalità sta nel tentativo di suffragare il problema e l’efficacia dell’intervento con dati misurabili. Questo può dare più forza e convincimento alle raccomandazioni. La casistica dello studio ha qualche limite di numerosità e questo potrebbe un po’ inficiarne le conclusioni. Tuttavia, abbiamo pensato che fosse importante comunicare questo studio al fine di lanciarne il messaggio che esso supporta con buone evidenze.

1. Schindel CS, Hommerding PX, Melo DA, Baptista RR, Marostica PJ, Donadio MV. Physical Exercise Recommendations Improve Postural Changes Found in Children and Adolescents with Cystic Fibrosis: A Randomized Controlled Trial. J Pediatr. 2015 Jan 13. pii: S0022-3476(14)01138-X. doi:10.1016/j.jpeds.2014.12.001. [Epub ahead of print]